Il notaio

Un curriculum notarile e professionale d'eccellenza

notaio Torino

Il Notaio Paolo Demaria si laurea in Giurisprudenza presso l’ Università degli Studi di Torino, fa pratica presso un primario Studio Notarile della Città, frequenta la prestigiosa Scuola di Notariato “ Anselmo Anselmi” di Roma, la Scuola di Notariato “ Lobetti Bodoni” di Torino, partecipa ai corsi tenuti a Milano dal Presidente Vincenzo Mariconda. Affronta il Concorso Notarile nel 1988, nel 1989 lo supera brillantemente e inizia la professione di Notaio nel 1990.

La sua prima e attuale sede è Venaria Reale (TO), città che lo ha visto crescere e diventare Notaio. Ciò consente al Notaio Demaria di conoscere perfettamente tutte le problematiche relative al territorio e alla sua progressiva edificazione negli anni, con particolare riferimento all’edilizia convenzionata ( diritti di superficie), al centro storico e alle nuove edificazioni.

Attualmente lo Studio del Notaio Paolo Demaria collabora con numerosi altri professionisti quali Avvocati, Commercialisti, Architetti e Geometri, dislocati sul territorio del Distretto, al fine di risolvere tutte le problematiche relative alla stipulazione degli atti notarili ad egli affidati.

Chi è il notaio

Spesso, coloro che si rivolgono ad un Notaio hanno in mente che cosa vorrebbero realizzare ma non sanno esattamente quale strumento giuridico adottare, quali agevolazioni possono vantare od a quali oneri vanno incontro.

Ecco che allora il Notaio, quale libero professionista, affianca il cittadino nei passaggi economici e patrimoniali più impegnativi della sua vita, e quale Pubblico Ufficiale, rappresenta contemporaneamente lo Stato, dà pubblica fede a quanto avviene in sua presenza e garantisce che i tributi vengano versati in maniera corretta.

La funzione più importante del Notaio è, soprattutto, quella di redigere atti conformi alle leggi, evitando così lunghi e costosi contenziosi fra le parti, dando certezza alle transazioni commerciali e immobiliari, facendo risparmiare alla fine tempo e denaro. Un famoso giurista il Carnelutti ebbe a dire: “Tanto più Notaio tanto meno Giudice”.

Anche nella malaugurata ipotesi di un errore nella redazione dell’atto il Notaio provvederà a sua cura e spese a rettificare l’atto stesso e le assicurazioni che coprono l’attività del Notaio provvederanno a risarcire eventuali danni subiti dal cliente.

Il Notaio è poi obbligato a mantenersi continuamente aggiornato sulle problematiche inerenti la sua professione, mediante la partecipazione a Convegni e Congressi, partecipazione verificata dagli Organi di Categoria mediante una soglia di Crediti Formativi che il professionista deve raggiungere annualmente.

Perché il notaio

Il Consiglio Notarile di Torino ha redatto un elenco di sette motivi per i quali è importante ed insostituibile la figura del Notaio:

La tutela: perché il Notaio fa preventivamente e personalmente un esame accurato del problema che deve risolvere, prevenendo, così, l’insorgere di liti.

La competenza: perché il Notaio viene preparato specificatamente ed esclusivamente sulle materie delle quali dovrà poi occuparsi, tramite un lungo e difficile percorso di studi che culmina in un concorso trasparente, durissimo ed estremamente selettivo.

La responsabilità: perché il Notaio risponde obbligatoriamente e personalmente dei propri errori, sollevando le parti da eventuali conseguenze dannose. In ciò viene affiancato dalla polizza assicurativa contratta dalla Cassa Nazionale del Notariato che copre tutti i notai in attività e cessati, nonché da numerose polizze personali.

La sicurezza: perché il Notaio garantisce la sicurezza del risultato perseguito dalla parti. Il Notaio, per esempio, non cura soltanto che la proprietà di un immobile passi da un soggetto ad un altro, ma assicura anche che esso sia libero da ipoteche, sia correttamente accatastato, sia regolare da un punto di vista urbanistico, sia dotato dell’attestato di certificazione energetica, ecc.

Il costo: Perché il Notaio riscuote dalle parti, per conto dello Stato, le imposte dovute sugli atti e le versa all’Erario. Questo spiega perché al Notaio si paghino spesso cifre elevate, ma solo una parte a volte minima rispetto all’importanza economica ed al valore dell’atto, rappresenta la sua parcella.

Il servizio: perché il Notaio e obbligato dalla sua stessa legge professionale a tenere il livello elevato della prestazione. La sua funzione pubblica, che coinvolge non solo gli interessi del singolo ma di tutta la collettività, non va rimessa esclusivamente alle regole del mercato e della concorrenza.

L’imparzialità: perché il Notaio è imparziale ed equidistante dalle parti, rappresentando con ciò una difesa del Consumatore contro i poteri forti.

Share by: